22 Luglio 2024

8 thoughts on “Andrea Cionci invita i preti a non nascondersi. Bisogna dire con chiarezza che Bergoglio non è il Papa

  1. Grazie a codesto coraggioso giornale Civico20 News per dare voce al grande giornalista italiano dott. Andrea Cionci, vergognosamente oscurato dal mainstream totalmente asservito al potere politico e pseudo religioso.
    Il Libro inchiesta Codice Ratzinger, bestseller 2022, ha venduto oltre 20.000 copie solo in Italia, è tradotto in cinque lingue e nel 2023 ha vinto due prestigiosi premi giornalistici: il Premio internazionale Cartagine conferito in Campidoglio e il Premio Mameli.
    L’inchiesta è già stata presentato dal dott Cionci in 127 Conferenza in tutta Italia, su invito spontaneo dei lettori e senza alcuna promozione dell’editore.
    Il 21 Luglio si terrà a Jesi la 128ma Conferenza di 3° livello sempre organizzata e sostenuta economicamente dai lettori, fenomeno editoriale unico mai verificatosi nel nostro P.aese.
    Ringrazio vivamente l’Egregio Direttore e la Redazione di Civico 20 New per divulgare la verità sul papato usurpato e la decennale prigionia in sede impedita, del Papa legittimo Sua Santità Benedetto XVI che con il suo sacrificio ha salvato la legittima successione papale a norma della Legge canonica,
    Distinti saluti
    Francesca Calderoni

    1. Plaudo a tutto ciò che è stato scritto e mi aspetto che i sacerdoti vengano fuori in massa,poi voglio vedere come reagirebbero i mainstream,cari sacerdoti ricordatevi di chi ha detto “non abbiate paura”🙏🙏🙏

  2. Condivido pienamente quanto scritto sopra, che dire, GRAZIE !! Grazie a don Minutella e ai Sacerdoti del sodalizio Mariano, Grazie al dott Cionci, Grazie a questa testata giornalistica, Grazie a tutti quelli che la Verità la gridano dai tetti e per Essa combattono. ….” Chi non è con ME è contro di ME” dice il Vangelo. Tutto il resto è… “vado al supermercato che ci sono gli sconti…prendo questo che COSTA meno” GRAZIE A VOI UTENTI DEI Saldi SE SIAMO ARRIVATI A QUESTO PUNTO.

  3. Tutta questa vicenda dovrebbe essere in prima pagina di ogni grande quotidiano, ma non è così; il dr. Cionci e d. Minutella si sgolano per gridare la verità dai tetti e i giornalistoni importanti dei giornaloni impegnati fanno finta di nulla. Tutto preordinato e organizzato apposta per non riconoscere la veridicità dei due soli uomini che dicono la verità. Ma il peggio è che la Chiesa con la maiuscola pensa a insabbiare a coprire a falsare ogni cosa e della Verità di Gesù Cristo non importa niente a nessuno. Questi grandi porporati e lo scodazzo dei loro “ clientes ” hanno ancora la fede? Cominciamo a dubitarne

  4. Andrea Cionci, lascia perdere i vari Mi nutella, Scozzari, Viganò, Gisella Cardia e affini! Non cadere nell’oscurantismo ante Concilio Vaticano II che questi personaggi evocano. Fattene una ragione, i tempi sono maturi per un cambiamento all’insegna di una maggiore consapevolezza.

  5. Si sta’ esagerando gravemente.

    In primis i Papi precedenti erano tutti stati eletti.

    Inoltre Papa Benedetto era vivo quando il Cardinale Bergoglio è diventato Papa.

    Sicuramente il problema è che l’attuale Papa apre più porte, non difendendo totalmente ciò che nei 2000 anni della Chiesa è stato scelto..

    In una frase sintetica: è il Papa giusto per questo periodo storico segnato da tante tribolazioni: l’umanità si è allontanata dal SIGNORE. Preghiamo con perseveranza che ci sia la conversione altrimenti la grande purificazione annunciata da Maria Santissima a Fatima, Medjugorje e in altri luoghi, entrerà pienamente nel vivo!!!

  6. I presbiteri e, soprattutto, i vescovi (perché c’è anche maggiore bisogno di pastori) nell’immediato resteranno infrattati: chi per ignoranza, chi per conflitto d’interesse. Quest’ultimo è forse già ora prevalente, perché dopo dieci anni anche all’ignoranza più incallita sarà capitato di incontrare per caso qualche notizia sulla “Magna Quaestio”, sebbene si sia preferito non approfondirla. Non me la sentirei peraltro di condannare tutti i preti e vescovi che senz’altro sanno e tacciono: ad es. un chierico solo, cioè senza famiglia o altri appoggi, anziano e magari malato, come possiamo esigere che si faccia scomunicare perdendo l’unico sostentamento economico e ricovero (poiché questo gli accaderebbenon appena uscito pubblicamente allo scoperto)? Questa indecisione finirà col consolidare l’anti-chiesa costantiniana, quella cioè delle strutture in progressiva occupazione da parte degli usurpatori.
    Qualcuno o molti se ne separeranno, messi in crisi da una residua fede provata dal tradimento divenuto insopportabile, quando però sarà impossibile recuperare le sedi e i cascami della ex-Cattolica naufragheranno nel mare del mondo omologandovisi del tutto. Grazie nel frattempo a chi non ha mai riconosciuto la legittimità di Bergoglio (né dei suoi successori nella linea spuria) e a quanti vi si aggiungeranno, la Chiesa continuerà conforme al dogma della indefettibità (“non praevalebunt”) e dunque – così dobbiamo sperare – con vescovi e infine anche col sospirato successore di Benedetto XVI: ma in veste dimessa, in luoghi anonimi e periferici, in clima di probabile crescente persecuzione (in Italia, ad es., penso non manchi molto a che da un redivivo braccio secolare venga brandito contro don Alessandro M. Minutella e poi altri del Sodalizio Sacerdotale Mariano – penso intanto a don Enrico Bernasconi – l’art. 604-bis cod. pen. in quanto fomentatori d’odio per motivi religiosi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *